Ho iniziato a 20 anni, con zero esperienza, una laurea e una grande passione per il marketing. Il mio primo stipendio da assistente dell’assistente, era di 200$. Non mi potevo permettere niente, i soldi mi bastavano ma appena per mangiare e andare al lavoro. Ma sapevo che la strada che avevo preso era quella giusta. Andavo avanti con gli studi facendo diversi corsi di formazione, leggendo libri e cercando di mettere tutto in pratica.
Cinque anni dopo ero diventata direttrice di marketing e, con enorme voglia di fare, dirigevo diverse aziende industriali. Qui, a quello che allora ritenevo l’apice della mia carriera, mi sono risvegliata. Ho capito che il valore di una donna, così come la sua sentita femminilità, non dipendono dal suo stipendio, dalla posizione che ha in ufficio.
Dopo il divorzio ho iniziato a dubitare di me. Sentivo una voce, forse la mia anima o la mia coscienza, che diceva che il problema non era esterno, ma interno. Io portavo in me le ragioni delle mie delusioni. Lo sentivo e capivo, ma non riuscivo a trovarlo. Cosa mi mancava? Cosa dovevo cambiare o migliorare?
Ho iniziato una lunga e difficile ricerca di me stessa e della mia luce interiore.
Ho scoperto dell’esistenza di questi corsi in Russia, quasi magici, per donne. C’era qualcosa che mi chiamava, proprio lì, in quelle infinite testimonianze di generazioni di donne che avevano trasformato la loro vita. Mi fidai. Feci le valigie e andai.
Gli ultimi cinque anni della mia vita li ho passati proprio a seguire questi corsi, a migliorarmi infinite volte grazie ai training proposti dal mio maestro.
Ho visto donne ridere, piangere, aprirsi, cambiare, e poi è toccato anche a me. Sono rimasta shockata. Mi sono sempre ritenuta intelligente, davvero facevo così tanti errori? Davvero capivo così poco il mondo maschile, e il mio ruolo in questo? Mi sono messa sotto e ho sperimentato tutto sulla mia pelle. La voce che avevo seguito, quella che mi aveva spinta ad andare là, aveva avuto ragione. Ero sempre stata al centro dell’attenzione di tutti gli uomini che mi circondavano ma a quanto pare avevo molto da imparare.
Insieme ad altre donne, alle loro e alla mia storia di successo, sono cresciuta. Ho capito i miei sbagli, e mi sono rifatta. Ho visto con i miei occhi come le vite di tutte le donne che hanno seguito i training insieme a me sono cambiate per il meglio. C’è chi ha trovato il suo amore e si è sposata, chi ha riscoperto la sua femminilità, chi ha riacquistato fiducia in sè, chi si è aperta spiritualmente e chi ha trovato la giusta stabilità. Davanti a me, sul palco, ho visto donne poco femminili trasformarsi in Afrodite stessa, matrimoni ormai distrutti riprendere vita e donne oltre i sessanta sposarsi e viaggiare per il mondo con il loro amore.
Le vite di tutti noi cambiano ad una velocità spettacolarmente alta e le nostre conoscenze di dieci anni fa oggi non sono più attuali. Proprio per questo ritengo che ogni professionista debba cercare sempre di migliorarsi per riuscire a dare il risultato migliore nel minor tempo possibile. Mi trovo in un costante stato di crescita personale e professionale.
Quello che insegno non è frutto di un sogno. Non sono le solite cose che si trovano sulle riviste femminili. Sono le mie conoscenze più care, più importanti, applicabili a tutti.
Sono proprio queste cose che mi hanno rimessa in piedi, e voglio aiutare altre ragazze. Voglio finalmente vedere la femminilità di questo mondo fiorire in tutta la sua bellezza.